Risoluzione disservizio portale e-distribuzione

23.07.2018

 

Il Consiglio direttivo ATER, nel dar seguito al costruttivo clima di collaborazione che si sta sviluppando in questo ultimo periodo con enti istituzionali, intende estendere il proprio supporto di feedback operativo anche con Enel, considerata l'emergente problematica legata alla migrazione del nuovo portale.

E' stato proposto pertanto un tavolo tecnico, utilizzando la stessa metodologia di lavoro che già da anni ATER ha assunto e positivamente sperimentato con il GSE S.p.A., per offrire l'esperienza "sul campo" dei propri tecnici e volto ad agevolare la risoluzione di criticità particolarmente impellenti.

Vi terremo aggiornati nel corso dei prossimi giorni sull' esito degli incontri che si stanno svolgendo in queste ore.

https://www.qualenergia.it/pro/articoli/cosa-sta-succedendo-al-portale-produttori-di-e-distribuzione/?platform=hootsuite

DISSERVIZIO PORTALE E DISTRIBUZIONE

Il Consiglio Direttivo di ATER visto il perdurare dei malfunzionamenti del portale produttori, che il 2 Luglio 2018 è stato spostato all'interno del sito di E Distribuzione, ha tentato sia a livello locale che nazionale di avere un incontro con un responsabile/funzionario del gestore di rete nazionale, che potesse rispondere ai reclami giunti da tutta la penisola, isole comprese.
Oggi in sinergia con MSA abbiamo scritto al distributore ai livelli massimi nazionali.

Di seguito il testo della mail inoltrata:

Egregia Dott.ssa,

ci troviamo costretti a contattarLa per segnalare dei disservizi molto gravi che si stanno verificando sul Nuovo portale Produttori messo a disposizione dalla vostra Società.

Ormai da due settimane è assolutamente impossibile potere lavorare compiutamente sul sistema e, senza considerare un aggiornamento non annunciato e durato ben 4 giorni, ad oggi ancora rileviamo le seguenti gravi criticità:

- Istanze che non proseguono a causa di un disallineamento invalidazione del processo TERNA/GAUDI;

- Innumerevoli richieste di integrazioni derivanti da documenti che arrivano a voi attraverso il detto portale "danneggiati".

- Un call center che non risulta essere in grado di fornire il benché minimo supporto tecnico.

La lista potrebbe proseguire ed essere molto lunga.

In qualità di tecnici non siamo abituati alle lamentele fini a sé stesse ma ci vediamo costretti a rivolgerci a voi in via ufficiale per consentire lo svolgimento del lavoro quotidiano a tutti i tecnici del nostro settore sul territorio nazionale.

Chiediamo un Comunicato Ufficiale che faccia comprendere ai nostri clienti che i ritardi ingiustificati accumulati non sono attribuibili ad una nostra responsabilità.

Vi proponiamo inoltre un tavolo tecnico, metodologia di lavoro che già da anni abbiamo assunto e positivamente sperimentato con il GSE S.p.A., ove offrirvi la nostra esperienza "sul campo" e volto ad agevolare la risoluzione di criticità ormai non più accettabili.

Non riteniamo di avere nulla da insegnare a nessuno ma, certamente, avere feedback da chi quotidianamente utilizzi i sistemi da voi messi in campo può accelerare e semplificare i processi di efficientamento ed ottimizzazione dei servizi da Voi offerti.

Certi di un Suo cortese riscontro porgiamo distinti saluti

Il Presidente di Ater

Ing. Simone Bonacini